PREVENZIONE INCENDI – ATTIVITÀ NON SUPERIORI A 25 POSTI LETTO
CERTIFICAZIONE DI TECNICO ABILITATO
Decreto Ministero dell’Interno del 9.4.94 e successive modifiche e integrazioni

 

L'Associazione ANBBA, in collaborazione con Prontogeometra, offre a tutti i propri iscritti gestori di esercizi di Bed and Breakfast e di Affittacamere (inferiori a 25 posti letto) la possibilità di avere la Certificazione in oggetto, on line. La certificazione, personalizzata, esercizio per esercizio, sarà fornita da tecnico abilitato ed iscritto nell'Albo Nazionale dei Tecnici del Ministero degli Interni nel cui ambito opera il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco a cui fanno capo le attività di Prevenzione Incendi.

Si precsia che a seguito delle nuove norme di semplificazione relative all'avvio di attività ricettive tramite SCIA (segnalazione certificata di inizio di attività), i portali SUAP dei vari comuni e quello nazionale di "Impresa in un giorno" prevedono che il soggetto responsabile e gestore della struttura dichiari se la stessa sia superiore o inferiore a 25 posti letto e nel caso che sia INFERIORE, spuntando la casella, si assume anche la responsabilità dell'osservanza di quanto previsto dal Titolo III° del D.M. 09/04/1994 e successive modifiche e integrazioni in materia di prevenzione incendi di edifici e locali adibiti ad attività ricettive. (vedi estratto dello step tratto dal portale Impresa in un giorno) . Quindi è consigliabile per coloro che non si sentono in grado o che hanno poco conoscenza della norma citata di farsi fare ugualmente la certificazione, per loro sicurezza, da trattenere agli atti o da inviare al SUAP come allegato integrativo.

Come si fa per ottenere questa certificazione :

1) Si compila l'apposito form di richiesta inserendo negli apposti campi i dati richiesti per l'attivazione della propria pagina personale digitando l'attivazione dell'apposito servizio,  cliccando: .

2) Nella vostra pagina personale troverete nelle apposite caselle alcuni file , uno relativo alle istruzioni per la compilazione del formulario ed il Formulario stesso. Eseguite il download del file e stampate le istruzioni, poi eseguite il download dell'altro file contenente il Formulario che dovrete compilare on line. Dopo averlo compilato cliccate invio e, se eseguito in maniera corretta, arriverà a destinazione sia a Prontogeometra che a voi e quindi entro una decina di giorni riceverete la comunicazione dell'invio della Certificazione che sarà anch'essa presente in un'apposita casella, sempre nella vostra pagina personale a vostra disposizione per il prelievo. .

3) Nel termine che intercorrerà fra il ricevimento della mail contenente il Formulario compilato e il rilascio della certificazione dovrete provvedere al versamento della cifra richiesta, nelle modalità che compariranno sempre nella vostra pagina personale.

4) Attenzione perché una copia del Formulario arriverà anche a voi e la dovrete stampare e sottoscrivere ed allegare alla certificazione che riceverete, questo è molto importante in quanto il Geometra rilascia la certificazione in base alle valutazioni di rischio desunte da quanto voi indicherete nel Formulario che dovrete corredare con i dati di un vostro documenti d'identità.

5) A compendio della certificazione riceverete anche eventuali suggerimenti o adeguamenti da eseguire come l'apposizione di idonea cartellonistica interna alla struttura con l'indicazione delle vie di fuga e .l'apposizione, sull'interno delle camere, di idonee prescrizioni (in varie lingue) per la prevenzione incendi e quant'altro ad essa concernente che potrete scaricare, sempre dalla vostra pagina personale con file pronti per la stampa.

Come si fa per ottenere le planimetrie con le vie di fuga :

Il servizio relativo alla predisposizione delle planimetrie da apporsi nelle varie stanze con indicazione delle vie di fuga, la posizione degli estintori, della cassetta di pronto soccorso , del quadro elettrico ecc. e dei numeri telefonici per le chiamate di soccorso, lo potete richiedere tramire un e-amil info@prontogeometra.it e, a seconda della difficoltà operativa per l'esecuzione delle varie planimetrie personalizzate da porre nei vari locali, vi sarà inviato un preventivo di spesa per valutare l'affidamento dell'incarico che, se confermato in un termine massimo di 15 giorni riceverete il materiale da inserire nei quadretti a giorno da esporre nei vari locali.

*******************

Dal Sito Ufficiale VVF

Scarica il testo in formato pdf del DM 9/04/1994

_____________________________________________

Estratto del Titolo III° del D.M. 09/04/1994

DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE ATTIVITA' RICETTIVE CON
CAPACITA' NON SUPERIORE A VENTICINQUE POSTI LETTO


22. GENERALITA'
Le strutture orizzontali e verticali devono avere resistenza al fuoco non inferiore a REI 30. Gli impianti devono essere realizzati a regola d'arte. Deve essere assicurato per ogni eventuale caso di emergenza il sicuro esodo degli occupanti. Devono inoltre essere osservate le disposizioni contenute nei punti 11.2, 13, 14 e 17.
11.2 Estintori
Tutte le attività ricettive devono essere dotate di un adeguato numero di estintori portatili. Nelle more della emanazione di una apposita norma armonizzata, gli estintori devono essere di tipo approvato dal Ministero dell'interno ai sensi del decreto ministeriale 20 dicembre 1982 (G. U. n. 19 del 20 gennaio 1983) e successive modificazioni.
Gli estintori devono essere distribuiti in modo uniforme nell’area da proteggere; è comunque necessario che almeno alcuni si trovino:
- in prossimità degli accessi;
- in vicinanza di aree di maggior pericolo.
Gli estintori devono essere ubicati in posizione facilmente accessibile e visibile; appositi cartelli segnalatori devono facilitarne l'individuazione, anche a distanza. Gli estintori portatili devono essere installati in ragione di uno ogni 200 m2 di pavimento, o frazione, con un minimo di un estintore per piano. Gli estintori portatili dovranno avere capacità estinguente non inferiore a 13 A - 89 B; a protezione di aree ed impianti a rischio specifico devono essere previsti estintori di tipo idoneo. Per attività fino a venticinque posti letto è sufficiente la sola installazione di estintori.
13. SEGNALETICA DI SICUREZZA
La segnaletica di sicurezza dovrà essere conforme al decreto del Presidente della repubblica n. 524/19827. Inoltre, la posizione e la funzione degli spazi calmi dovrà essere adeguatamente segnalata.
14. GESTIONE DELLA SICUREZZA
14.1 Generalità
Il responsabile dell'attività deve provvedere affinché nel corso della gestione non vengano alterate le condizioni di
sicurezza, ed in particolare che:
- sui sistemi di vie di uscita non siano collocati ostacoli (depositi, mobili ecc.) che possano intralciare l'evacuazionedelle persone riducendo la larghezza o che costituiscano rischio di propagazione dell'incendio;
- siano presi opportuni provvedimenti di sicurezza in occasione di situazioni particolari, quali: manutenzioni, risistemazioni ecc.;
- siano mantenuti efficienti i mezzi e gli impianti antincendio, siano eseguite tempestivamente le eventuali manutenzioni o sostituzioni necessarie e siano condotte periodicamente prove degli stessi con cadenze non superiore a sei mesi;
- siano mantenuti costantemente in efficienza gli impianti elettrici in conformità a quanto previsto dalle vigenti norme;
- siano mantenuti costantemente in efficienza gli impianti di ventilazione, condizionamento e riscaldamento. In particolare il controllo dovrà essere finalizzato alla sicurezza antincendio e deve essere prevista una prova periodica degli stessi con scadenza non superiore ad un anno. Le centrali termiche devono essere affidate a personale qualificato, in conformità a quanto previsto dalle vigenti regole tecniche.
14.2 Chiamata servizi di soccorso
I servizi di soccorso debbono poter essere avvertiti facilmente, con la rete telefonica.
La procedura di chiamata deve essere chiaramente indicata, a fianco di qualsiasi apparecchio telefonico dal quale questa chiamata sia possibile. Nel caso della rete telefonica pubblica, il numero di chiamata dei Vigili del fuoco deve essere esposto bene in vista presso l'apparecchio telefonico dell'esercizio.
17. ISTRUZIONI DI SICUREZZA
17.1 Istruzioni da esporre all'ingresso
All'ingresso della struttura ricettiva devono essere esposte bene in vista precise istruzioni relative al comportamento del personale e del pubblico in caso di sinistro ed in particolare una planimetria dell'edificio per le squadre di soccorso che deve indicare la posizione:

17.2 Istruzioni da esporre a ciascun piano
A ciascun piano deve essere esposta una planimetria d'orientamento, in prossimità delle vie di esodo. La posizione e la funzione degli spazi calmi deve essere adeguatamente segnalata.
17.3 Istruzioni da esporre in ciascuna camera .In ciascuna camera precise istruzioni, esposte bene in vista, devono indicare il comportamento da tenere in caso di incendio. Oltre che in italiano, queste istruzioni devono essere redatte in alcune lingue estere, tendo conto delle provenienza della clientela abituale della struttura ricettiva. Queste istruzioni debbono essere accompagnate da una
planimetria semplificativa del piano, che indichi schematicamente la posizione della camera rispetto alle vie di evacuazione, alle scale ed alle uscite. Le istruzioni debbono attirare l'attenzione sul divieto di usare gli ascensori in caso di incendio.
Inoltre devono essere indicati i divieti di:
- impiegare fornelli di qualsiasi tipo per il riscaldamento di vivande, stufe ed apparecchi di riscaldamento o di illuminazione in genere a funzionamento elettrico con resistenza in vista o alimentati con combustibili solidi, liquidi o gassosi;
- tenere depositi, anche modesti, di sostanze infiammabili nei locali facenti parte del volume destinato all'attività.